S.O.S benessere_chiedi aiuto quel tanto che basta, ma chiedi aiuto

Con il mio lavoro vedo tante persone che stanno male, che non ce la fanno più, che hanno voglia di mollare o che hanno già mollato e si lasciano vivere; oppure vedo persone che hanno voglia di approdare da qualche parte ma che continuano a girare intorno a loro stesse; e ancora persone che hanno spento la luce dei loro occhi, per i quali tutto è diventato insormontabile; altri invece  che si sono arenati senza trovare un appiglio con cui liberarsi dalla palude in cui sono immersi…tante volte mi sono trovata in ciascuna di queste situazioni e quello che ho imparato è stato chiedere aiuto.

Per andare oltre qualsiasi situazione di mal-essere occorre innanzitutto rendersene conto e poi aver voglia di stare bene, desiderare follemente la felicità e quindi avere la forza di chiedere aiuto quando da soli sentiamo di non farcela. Ciò che spesso accade è che chiediamo aiuto quando è il nostro corpo a stare male ma fuggiamo o ignoriamo quando è invece  il nostro cuore a chiedere sostegno, perché lo consideriamo di poco conto, perché tanto passerà, perché tanto tutto è inutile. Ma non è così. Niente è di poco conto e tutto è di grandissima importanza quando vibra dentro di noi e non ci permette di evolvere, di raggiungere chi siamo davvero per poi comprendere cosa desideriamo nel nostro profondo  e poi  incamminarci per ottenerlo.

Quando la vita ci ripropone le stesse esperienze è perché vuole che si faccia un determinato tipo di passaggio e finchè non lo faremo amplificherà gli effetti ma non perché è malvagia ma perché vuole accompagnarci a crescere: siamo qui per questo, per fare esperienza e raggiungere il nostro essere amore, luce, al di là dei condizionamenti esterni che abbiamo subìto per compiacere perché tutti bisognosi di essere amati. E tutte le situazioni scomode che attiriamo sono “pagate” perché ci facciano da specchio, sono i nostri maestri arrivati per costringerci al nostro passaggio. Il dolore fa parte della vita, la sofferenza invece che ci manda nel baratro fa parte dell’ego che ci tiene ancorati ai suoi schemi, ai suoi programmi. Spesso è necessario farsi aiutare per andare oltre le trappole della nostra mente e smentirla altrimenti il sabotatore che vive in noi avrà sempre la meglio e ci terrà ancorati a chi gli altri vogliono che noi siamo, ma noi siamo qui per esprimere chi siamo davvero.

Quindi…

Per ogni volta in cui ci sentiamo con il morale sotto i piedi, il primo grande atto di cor-aggio verso noi stessi è percepire dentro di noi che davvero vogliamo stare bene e realizzarci e poi se sentiamo intoppi per attivarci da soli, andiamo alla ricerca di persone che ci accompagnino a riscoprire la parte più vera di noi, evitando chi ci aiuta attraverso i consigli: ciascuno ha le proprie esperienze da fare, ciascuno trovi quindi le proprie risposte e riscopri le proprie risorse perché allora ci faremo accompagnare quel tanto che basta, quando la strada diventerà parecchio in salita, evitando inutili e costose dipendenze, in quanto tutto è già dentro di noi.