Leadership al femminile: semplicemente donna

Saprò attendere il vento che percorre il mondo per portarmi lontano, laddove giacciono i miei sogni, i miei desideri, la mia libertà, dove io potrò essere quello che sono, persona unica e irripetibile: Donna

Donna domani nelle tue mani il mondo cambierà…sarai tu il passo giusto, la nuova via…cantava una canzone di Eros Ramazzotti, geniale sotto l’aspetto dell’aver visto avanti. E siamo arrivati, a mio parere, a quel “domani”, a quel momento in cui è diventato davvero indispensabile che il mondo assuma connotati sempre più femminili. Il compito di noi donne è proprio quello di tirare fuori questi connotati innanzitutto da noi stesse. Ma di quali connotati sto parlando? Intendo la riscoperta di una mente semplice, libera da condizionamenti esterni (sociali, familiari, storici), in grado di seguire noi stesse sempre e comunque, costi quel che costi, la nostra natura, la nostra autenticità, il nostro istinto. E ancora la volontà di affidarsi al coraggio che da sempre ci contraddistingue, quel coraggio che non ci fa fermare davanti a nulla, quel coraggio che è sempre più forte di qualsiasi paura, quel coraggio che ci porta a tenere duro, che ci porta a dire “dopotutto domani è un altro giorno”. E poi la capacità di navigare dentro, dell’introspezione, che ci porta ad ascoltarci e ad ascoltare, ad accoglierci e ad accogliere, che ci porta a sentire senza dover sempre toccare con mano.

Riscoprire dentro noi la nostra leadership di donna significa sposare il ruolo di amica, amata, compagna e alleata innanzitutto di noi stesse e successivamente, solo come conseguenza, verso gli altri; significa riconoscere le nostre contraddizioni interne ma anche quelle culturali; significa accogliere le nostre ombre per dare risalto alla nostra luce; significa riempire quei vuoti di smarrimento e frustrazione attraverso la consapevolezza che c’è sempre una strada diversa per ogni ostacolo, per ogni dubbio, per ogni fallimento. Significa saper leggere costantemente il nostro libro interiore per trasformare i nostri comportamenti istintivi in comportamenti potenzianti che ci spingono ad incontrare la nostra autenticità e ci portano ad accompagnare con la coerenza e il magnetismo della nostra unicità.

La donna che il mondo oggi reclama è una donna dolce e forte allo stesso tempo, paziente ma decisa, sensibile ma che sfida. La nuova via siamo noi e, quando ci scopriamo, ecco che allora scopriamo dentro di noi una luce in grado di accompagnarci e accompagnare verso ogni progetto e destinazione; sappiamo metterci passione, amore quando cuore e ragione sono insieme; siamo tenaci e umili allo stesso tempo; ci mettiamo in discussione e in gioco. Quello che occorre è fare un passo oltre i nostri muri che abbiamo innalzato per proteggerci e per proteggere per poter davvero esprimere noi stesse, in ogni ambito, e quando ci scopriamo davvero, quando ci ri-troviamo tocchiamo una tale densità, un tale misto di potenza, forza coraggio, amore che davvero per noi tutto è possibile e comprendiamo che la nostra potenza è al di là di ciò che facciamo, ma si trova dentro di noi, è la nostra essenza.

E sta proprio qui la forza: riscoprire noi stesse per tornare a quella fiducia di sé e a quell’autostima naturale, innata prima che venisse “deturpata” dai condizionamenti esterni. Una forza a volte pacata e a volte dirompente, oggi indispensabile per tutte noi donne che potenzialmente siamo dei vulcani di amore per contribuire a costruire il mondo di domani.